Innovazione targata Italia alla Zabbix Conference 2014

14 Set 2014

Più di duecento partecipanti da oltre 27 paesi del mondo. Si è chiusa con un bilancio eccellente la Zabbix Conference 2014, svoltasi a Riga il 12 e 13 settembre. Il focus degli interventi che si sono susseguiti in questa due giorni era rivolto al monitoraggio di grandi ambienti ed alle diverse strategie per ottimizzare le performance.

Le aspettative non sono state disattese e anche l'Italia ha avuto il suo momento di "gloria" grazie agli interventi di Dimitri Bellini (Quadrata) che ha illustrato un interessante caso di studio sul monitoraggio SNMP di una grande rete di switch ethernet e di Gabriele Armao (Systematika) che ha presentato in anteprima ZabbixUnify, una console web in grado di gestire in modo centralizzato più installazioni di Zabbix indipendenti. Tra gli interventi di rilievo va ricordato quello di ICANN che ha implementato una infrastruttura di Zabbix distribuita sui cinque continenti per monitorare i servizi DNS che gestiscono i gTLD (global Top Level Domain) di Internet e di Freenet che ha automatizzato il processo di monitoraggio di un ambiente Java J2EE. Molto densa come sempre la sessione di Domande & Risposte con il team di Zabbix.

Alexei Vladishev, fondatore di Zabbix, ha salutato la platea con un elenco di "5 cose da migliorare in Zabbix" sulle quali si concentreranno presumbilmente i prossimi sforzi del team di sviluppo:

  • Una nuova interfaccia utente
  • API più veloci e stabili
  • Scalabilità e High Availability
  • Autenticazione e cifratura del traffico tra agent e server
  • Reportistica avanzata

Come dire: fino ad oggi Zabbix è stato un grande progetto, ma sicuramente non ci fermiamo qui.

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.